CIRCOLARE N° 7 DEL 29 – 3 – 2017

Oggetto: Decreto mille proroghe (D.L. 30⁄12⁄2016 n° 244) convertito dalla Legge 19⁄2017 Per il testo integrale clicca qui

Il c.d. decreto “Mille proroghe” anche quest’anno recepisce la necessità di spostare in avanti una serie di scadenze che, per vari motivi, non sono state rispettate o configgono con altre normative. Nel seguito vi forniamo un rapido sunto di quelle d’interesse fiscale.

Art. 1 – Proroga di termini in materia di pubbliche amministrazioni

Art. 2 – Disposizioni in materia di editoria e di durata in carica del Consiglio nazionale e dei Consigli regionali dell’Ordine dei giornalisti

Art. 3 – Proroga di termini in materia lavoro e politiche sociali

Comma 3 quater: viene differita dal 1° gennaio 2017 al 1° gennaio 2018 la decorrenza dell’obbligo della modalità telematica per la tenuta del libro unico del lavoro

Comma 3 octies: viene prorogato dal 31⁄12⁄2016 al 30⁄6⁄2017 l’istituto dell’indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi (DIS–COLL)

Comma 3–novies: rimpatrio lavoratori

Slitta al 30⁄4⁄2017 (rispetto alla data prevista del 30⁄6⁄16) il termine per l’esercizio dell’opzione prevista dall’art. 16 del D. Lgs. 147⁄15. Si tratta della scelta per il regime fiscale di favore applicabile ai lavoratori che rientrano in Italia. Per tali contribuenti il reddito di lavoro dipendente e di lavoro autonomo concorre alla formazione del reddito complessivo IRPEF nella misura del 50%.

Art. 4 – Proroga di termini in materia di istruzione, università e ricerca

Comma 2 bis: slitta al 31⁄12⁄17 il termine (già previsto dall’art. 6, comma 1, lett a) del DM 16⁄7⁄14) per effettuare gli adeguamenti antincendio previsti per gli asili nido esistenti con oltre 30 persone presenti

Comma 11 sexies: Viene prorogato al 31⁄12⁄17 il termine fissato per l’adeguamento alla normativa antincendio delle strutture ricettive turistico alberghiere con oltre 25 posti letto

Art. 5 – Proroga di termini in materie di competenza del Ministero dell’interno

Comma 11 ter: viene differito di un anno, quindi fino al 7⁄10⁄2017, il termine per l’assolvimento degli adempimenti prescritti dagli artt. 3 e 4 del DPR 151⁄11. Si tratta della disciplina di prevenzione incendi per le attività che, prima dell’emanazione del suddetto DPR non, erano assoggettate alla disciplina di prevenzione incendi

Art. 6 – Proroga di termini in materia di sviluppo economico e comunicazione

Art. 7 – Proroga di termini in materia di salute

Comma 3 bis: slitta dal 31⁄1 al 28⁄2 di ogni anno il termine per l’invio al Sistema tessera sanitaria (STS) dei dati da parte dei veterinari

Art. 7 bis – Proroga del contributo in favore dell’I.R.E.A. (Istituto per la riabilitazione e la formazione ANMII Onlus)

Art. 8 – Proroga di termini in materia di competenza del Ministero della difesa

Art. 9 – Proroga di termini in materia di infrastrutture e trasporti

Comma 3: viene prorogato al 31⁄12⁄17 il termine per l’emanazione del decreto del Ministro per le infrastrutture e trasporti recante le disposizioni attuative per impedire le pratiche di esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio di noleggio con conducente

Comma 5: per il solo anno 2017 il termine per il pagamento del contributo per l’iscrizione all’albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi slitta al 31⁄3

Comma 9 octies: viene prorogata a tutto il 2017 la detrazione IRPEF corrispondente al 50% dell’IVA assolta sull’acquisto di immobili residenziali di classe energetica A⁄B (ex art. 1, comma 56, L. 20⁄15)

Art. 10 – Proroga di termini in materia di giustizia

Art. 11 – Proroga di termini in materie di beni e attività culturali e di turismo

Art. 12 – Proroga di termini in materia di ambiente e agricoltura

Comma 1: SISTRI

Viene prorogato di un anno (fino al 31⁄12⁄17) il periodo in cui continuato ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi in materia di gestione dei rifiuti, catasto rifiuti, registri di carico e scarico e trasporto dei medesimi precedenti all’entrata in vigore del SISTRI

Art. 13 – Proroga di termini in materia economica e finanziaria

Comma 4: viene prorogato dal 3⁄12⁄16 al 1⁄10⁄17 il termine previsto dall’art. 2 bis DL 193⁄16 relativo al pagamento spontaneo delle entrate degli enti locali sul c⁄c di tesoreria dei medesimi ovvero mediante F24 o altri mezzi di pagamento elettronici.

Commi 4 ter e 4 quinquies: la presentazione dei modelli INTRA acquisti (di beni e servizi) era stata abolita con decorrenza dal 1° gennaio 2017. La nuova normativa prevede ora che la soppressione abbia decorrenza dal 1° gennaio 2018. Quindi per il 2017 bisognerà ancora presentare i modelli INTRA anche per gli acquisti (oltre che per le vendite).

Nessuna modifica invece per quanto riguarda le scadenze per l’invio che, quindi, sono:

Comma 4 sexies: vengono soppressi due adempimenti:

Quindi, già con riferimento al 2016, tali comunicazioni non debbono più essere redatte.

Comma 4 septies: viene abrogata la disposizione (comma 147, art. 1 L. 208⁄15) che demandava ad un decreto ministeriale l’individuazione dei criteri generali per la raccolta delle informazioni relative agli acquisti di beni e servizi effettuati da soggetti residenti fuori del territorio dello Stato

Comma 4 octies: è stato abrogato, con decorrenza dalle dichiarazioni dei redditi relative al periodo d’imposta 2017, l’obbligo di indicazione (nella dichiarazione dei redditi) degli estremi di registrazione dei contratti di locazione a canone concordato con riduzione del 30% dell’imponibile;

Comma 5: si proroga dal 31⁄12⁄16 a data da fissare (non oltre il 31⁄12⁄17) il termine per l’esercizio dell’attività di consulenza in materia di investimenti da parte dei soggetti che al 31⁄12⁄07 prestavano già tale attività.

Art. 13 bis – Coordinamento della disciplina in materia di IRES e IRAP con il decreto legislativo N° 139 del 2015

Le regole di determinazione del reddito delle società di capitali che adottano i principi contabili internazionali (IAS⁄IFRS) viene esteso alle imprese che redigono il bilancio sulla base dei principi contabili italiani. Per dette imprese viene introdotto il criterio della prevalenza della sostanza sulla forma anche in deroga al criterio della competenza fiscale (Art. 109 commi 1 e 2 del TUIR)

Con riferimento esclusivamente all’anno d’imposta 2016, il termine per l’invio telematico delle dichiarazioni dei redditi delle società di capitali (Unico SC) interessate dalle modifiche di cui sopra slitta al 15⁄10⁄17 anziché al 30⁄9⁄17;

Vengono apportate alcune modifiche al TUIR:

Art. 14 – Proroga di termini relativi a interventi emergenziali

Comma 6 bis: viene prorogata al 31⁄12⁄17 l’esenzione IMU per i fabbricati colpiti dai sismi del 20 e 29 maggio 2012;

Art. 14 bis – Copertura delle vacanze nell’organico dei dirigenti delle Agenzie fiscali

Art. 14 ter – Disposizioni di prima applicazione relative a misure per il recupero dell’evasione

Poiché l’argomento in esame è stato oggetto di più modifiche riassumiamo brevemente lo stato attuale della normativa.

Il vecchio spesometro (disciplinato dall’art. 21 DL 78⁄2010) viene abolito con decorrenza dal 2017 e viene sostituito con una comunicazione telematica dei dati relativi alle fatture emesse e ricevute, delle bollette doganali nonché delle note di credito.

A regime, la trasmissione dovrà avvenire trimestralmente entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo al trimestre di riferimento. Solamente per il 2° trimestre di ogni anno (che avrebbe scadenza il 31⁄8) viene prevista una posticipazione al 16⁄9.

Per il solo anno 2017 le scadenze sono stravolte secondo il seguente calendario:

1° e 2° trimestre: entro il 16⁄9⁄2017

3° e 4° trimestre: entro il 28⁄2⁄2018

Oltre al nuovo adempimento appena visto ne viene introdotto uno ulteriore (mediante introduzione nel DL 78⁄10 dell’Art. 21 bis) che consiste nell’invio telematico delle liquidazioni IVA mensili o trimestrali ed avrà scadenza trimestrale con le medesime date previste per l’invio dei dati delle fatture (quindi entro il 2° mese successivo al trimestre di riferimento).

Per il solo anno 2017, viene modificata la periodicità dell’invio delle comunicazioni dei dati delle fatture emesse e ricevute (nuovo spesometro) che, quindi, saranno:

MESE          –     INVIO DATI       –      INVIO LIQUIDAZIONE

                                    FATTURE                          PERIODICA

Gennaio         |           13⁄5⁄17               |                  16⁄9⁄17          |

Febbraio        |           31⁄5⁄17               |                  16⁄9⁄17

Marzo           |           31⁄5⁄17                |                  16⁄9⁄17

Aprile            |           16⁄9⁄17                |                  16⁄9⁄17

Maggio         |           16⁄9⁄17                |                  16⁄9⁄17

Giugno          |           16⁄9⁄17                |                  16⁄9⁄17

Luglio           |           30⁄11⁄17                |                  28⁄2⁄18

Agosto          |           30⁄11⁄17                |                  28⁄2⁄18

Settembre      |           30⁄11⁄17              |                  28⁄2⁄18

Ottobre         |           28⁄2⁄18                |                  28⁄2⁄18

Novembre     |           28⁄2⁄18                |                  28⁄2⁄18

Dicembre       |           28⁄2⁄18                |                  28⁄2⁄18

Ai contribuenti è offerta anche un’altra possibilità ovvero l’invio di tutte le fatture attive, passive, delle bollette doganali e dei corrispettivi tramite lo SDI (Sistema di Interscambio). Chi volesse aderire all’invio integrale in esame deve esercitare apposita opzione entro il 31⁄3⁄17. l’opzione è vincolante per 5 anni ed offre i seguenti vantaggi:

L’invio delle fatture tramite lo SDI deve essere effettuato esclusivamente per le fatture (attive e passive) che non sono “fatture elettroniche” in senso stretto. Così ad esempio se un soggetto ha optato per l’emissione delle fatture elettroniche tra privati, l’invio delle fatture attive potrà essere evitato in quanto tutte le fatture sono già in formato elettronico.

Resta, invece, l’obbligo di inviare i dati delle liquidazioni IVA periodiche.

Sono comunque esclusi dall’invio dello spesometro i seguenti soggetti:

Art. 14 quater – Proroga dell’attuazione della lotteria nazionale collegata a scontrini e ricevute fiscali

Slitta al 1° novembre 2017 il termine per l’avvio della sperimentazione della lotteria connessa agli scontrini fiscali emessi per l’acquisto di beni e servizi a seguito di pagamento con mezzi tracciabili.

Art. 15 – Variazioni di bilancio

Art. 16 – Entrata in vigore

******

Lo studio è a disposizione per qualsiasi chiarimento

******





HOME